* 1. Ci sono delle persone o gruppi che t’ispirano ad interventire in modo trasformativo nel tuo quotidiano, dentro e fuori dal tuo ambito lavorativo? Ci sono delle pratiche che prenderesti come esempio da seguire di condivisione, di alternativa alla competizione, di (ri)organizzazione dal basso - orizzontale o trasversale?

* 2. Ricordi una situazione in cui hai sovvertito, piegato, ignorato o modificato una regola della tua quotidianità, dentro o fuori dal lavoro, all’interno di una istituzione, nei rapporti con i tuoi colleghi, con estranei, con amici o familiari? Cosa hai fatto? Eri da solo/a o con altri? Qual è stato il risultato? Come ti sei sentito/a?

* 3. In che modo l’immaginazione e la creatività entrano a far parte del tuo lavoro o della tua vita quotidiana? Si tratta di una creatività che eserciti individualmente o in forma collettiva? È una creatività che ti provoca una qualche felicità? Se si, in che modo e perché? Credi sia una creatività che ha a che fare con forme di sfruttamento o auto-sfruttamento che il lavoro inevitabilmente implica?

T